|  | 

consiglio comunale

Chiuderemo il centro storico alle auto: noi non abbiamo cambiato idea

img-responsive

La scorsa campagna elettorale è stata contraddistinta da diverse parole d’ordine in buona parte PORTATE ALL’ATTENZIONE DEL DIBATTITO IN CITTÀ dal nostro movimento, una di queste, tra le più chiare e ripetute quotidianamente diceva:

Chiuderemo il centro storico alle auto per restituirlo alle bici ai pedoni, per creare un vero centro commerciale naturale. Avevamo già studiato nel dettaglio le modalità, prodotto cartine e progetti concreti, consultato anche diversi commercianti del centro.

NOI NON ABBIAMO CAMBIATO IDEA, pensiamo che una ZTL totale che copra le 24 ore sia la soluzione migliore per tutti coloro che frequentano il centro storico, convinti che un centro sicuro e a misura d’uomo potrebbe attrarre e non respingere ancora più persone. Le lamentele di qualche commerciante e di qualche residente sono LE STESSE che abbiamo letto e sentito in TUTTE le tantissime città che hanno adottato questi provvedimenti in passato, salvo poi, tranne in rarissimi casi, non volere assolutamente tornare indietro.

NOI NON ABBIAMO CAMBIATO IDEA, eravamo e siamo consapevoli della presenza di alcune farmacie in centro, ma erano e sono facilmente raggiungibili dai vicini parcheggi, specialmente nelle ore notturne.

NOI NON ABBIAMO CAMBIATO IDEA e contestiamo l’eccessiva timidezza dimostrata da questa amministrazione nel portare avanti questi provvedimenti ma la esortiamo a velocizzarli non certo a tornare indietro.

NOI NON ABBIAMO CAMBIATO IDEA e non rincorriamo i voti e la “pancia” degli scontenti, NOI CERCHIAMO DI ARGINARE DERIVE POPULISTE e, così come scriveva ancora il sito di Cambiamo Abbiategrasso il 15/10/2012, diciamo:

“Finalmente si muove qualcosa, finalmente un tiepido segnale di cambiamento. La nuova amministrazione, con una serie di provvedimenti, non solo restituisce anche Piazza Castello ai cittadini, ai bambini che girano in monopattino, ma chiude al traffico alcune vie del centro storico il Sabato pomeriggio e la Domenica. E tanto è bastato a spingere un nutrito gruppo di cittadini tra i commercianti del centro storico a raccogliere ben 60 firme per opporsi alla chiusura, certi che l’impossibilità a percorrere le vie in auto porti ad esiti catastrofici negli affari, già segnati dai tempi di crisi…

Per contro, durante le ultime consultazioni amministrative, quasi 4000 cittadini hanno sottoscritto tramite il proprio voto il programma dell’attuale prima forza politica abbiatense, Cambiamo Abbiategrasso; il quale prevedeva, nel tempo, in modo graduale e con modalità condivise, la chiusura permanente e totale del centro storico alle auto. Un provvedimento ben più radicale.

Ma ora, con una soluzione già frutto della ragionevolezza e della pacatezza, queste 60 firme che cosa possono spostare, che dibattito possono innescare, se non la sospensione del provvedimento? Forse potrebbero risvegliare la tolleranza dei vigili urbani, che per anni hanno fatto finta che i cartelli di divieto di sosta in Piazza Castello fossero posticci.

Mi auguro che a nessuno venga in mente di tornare sui suoi passi. Mi auguro che almeno la capacità di valutare la situazione e tutelare sino in fondo la salute e la sicurezza della popolazione prevalga…”

L’intervento integrale di Andrea Lampugnani sul sito Cambiamo Abbiategrasso.

Certo quell’intervento era scritto da Andrea Lampugnani uno dei 14 candidati su 16 che ha abbandonato il gruppo del proponente di questa mozione ormai tre anni fa…

Estratto dal programma di Cambiamo Abbiategrasso (pagina 21 del programma)

Chiusura del centro storico alle auto Si prevede la graduale chiusura delle vie del centro storico al transito di autoveicoli (escluso i residenti).
Si estenderà l’attuale Zona Pedonale creando un centro commerciale naturale nelle vie delle centro storico.
La chiusura è prevista in due fasi.
FASE 1 – IMMEDIATA
Chiusura parziale: i mmediata chiusura di Piazza Castello, Corso Matteotti, Via Borsani e prima parte di Via XX Settembre (incrocio Via Piatti e Via Solferino)
FASE 2 – SUCCESSIVA
Chiusura totale sulla base dei risultati della sperimentazione della fase 1. Con la chiusura totale del centro storico il parcheggio sotterraneo (in costruzione) di Via
Misericordia non potrà essere più fruibile dai cittadini. Si prevede la possibilità di acquisire il posto auto ai residenti in centro con metodo di abbonamento a prezzi calmierati.

Officina del Territorio
Intervento della Consigliera Allesandra Gay (Consiglio Comunale 19.01.2017)

chiusura

ABOUT THE AUTHOR