|  | 

consiglio comunale

Officina del Territorio vota contro il bilancio previsionale

img-responsive

Il giorno 29 marzo, durante il Consiglio Comunale, Officina del Territorio ha votato contro il Bilancio previsionale, come illustrato dal Consigliere William Nicoli nel suo intervento.

Questo Bilancio è figlio e si pone sulla stessa linea dei bilanci degli scorsi anni e quindi determina la linea politica di questa amministrazione.
Ancora una volta quindi utilizziamo tutti i fondi derivanti dagli oneri di urbanizzazione per coprire la spesa corrente.

Chiariamo subito che, come fatto negli scorsi anni, noi apprezziamo l’attenzione posta dall’amministrazione sul mantenimento dei servizi sociali e degli standard offerti. E ci rendiamo conto quindi delle motivazioni di questa scelta.

Ribadiamo però ancora una volta la nostra convinzione che questa Giunta, fin dal suo insediamento, abbia perso troppo tempo nel sanare i suoi conflitti interni e non si sia focalizzata abbastanza su un piano organico che potesse mettere sui giusti binari la Città. Secondo noi cinque anni fa si sarebbero dovuti mettere subito in atto investimenti che portassero ad una riduzione della spesa pubblica negli anni successivi in modo da poter destinare gli oneri a ulteriori investimenti generando così un circolo virtuoso.
Qualcosa si è cercato di fare ma i continui ritardi hanno impedito di poter vedere a cinque anni di distanza qualunque beneficio. E questi ritardi continuano. Già lo scorso anno si era detto che il nuovo contratto dell’illuminazione pubblica poteva essere avviato entro il 2016 e, dopo l’approvazione acquisizione degli impianti di pubblica illuminazione, non se ne è saputo più nulla. L’appalto calore, che potrebbe portare un altro risparmio in termini di efficienza energetica, è un’altra storia infinita e, a quanto ne sappiamo, non è ancora stato posto in essere.
Un piano ed un affidamento pluriennale per consentire una più efficiente gestione delle fiere non è stato fatto e si è continuato ad andare avanti con affidamenti di Giunta di anno in anno.
Sempre su questo versante ci sono poi tutte le azioni che si sarebbero potute fare e che sono state fatte solo parzialmente in termini di miglior utilizzo delle risorse interne all’ente. Ad esempio riconosciamo in questo senso che il recupero dei crediti legati all’evasione tributaria e dei canoni sta migliorando ma presenta comune sempre, come evidenziato dai revisori, grosse criticità. Siamo sicuri che con un opportuno investito in formazione del personale interno non si sarebbero potuti raggiungere migliori risultati?

Questi secondo noi sono i punti politici cruciali di questo come degli scorsi bilanci.

Si sarebbe inoltre veramente dovuto segnare una svolta attraverso la creazione di figure professionali che potessero reperire fondi attraverso bandi molto più di quanto fatto (vediamo infatti che in quei settori dove ci sono persone che sanno come muoversi i bandi si vincono ed i finanziamenti arrivano).
Ovviamente non è tutto da bocciare. Come detto in questi anni si sono garantiti i servizi, si è riusciti a sistemare qualche strada, si sono ottenuti investimenti importanti sulla mobilità (quali il Bici park ed i varchi elettronici). Quello che è mancata secondo noi è la visione politica di prospettiva che potesse portare ad un miglioramento generale della situazione finanziaria dell’ente invece di galleggiare, a parte alcune eccezioni, solo sulla normale amministrazione.

Officina del Territorio
Intervento del Consigliere William Nicoli (Consiglio Comunale 29.03.2017)

officina-del-territorio-vota-contro-il-bilancio-previsionale

ABOUT THE AUTHOR